Ufficio Relazioni con il Pubblico

Scegli tra tre diversi tipi di impostazione

Dimensione e tipo di caratteri
Caratteri standard.
Caratteri grandi.
Alta Visibilità.

Organi istituzionali

News dell'Ufficio Segreteria

BEVO IL VIN, COGLI OCCHI POI…

12 e 26 luglio 2017, Corte Museo Piersanti, ore 21.15

BEVO IL VIN, COGLI OCCHI POI…

 

 L'Associazione "Ruvido Teatro", nell'ambito degli eventi in programma per il "Verdicchio Anniversary", presenta

 BEVO IL VIN, COGLI OCCHI POI…


Liberamente ispirato a “La Locandiera” di Carlo Goldoni

con

Deborah Biordi, Fabio Bonso, Edoardo Carsetti, Barbara Cruciani, Francesco Mentonelli, Andrea Pittori, Katia Rocchegiani

La locandiera verte attorno al personaggio di Mirandolina, padrona della locanda che, aiutata dal cameriere Fabrizio, con cui gestisce l’albergo, si trova a doversi difendere dalle proposte amorose dei clienti. Al centro delle vicende c’è sempre la vigile e smaliziata intelligenza di Mirandolina, che sa far prosperare la sua attività commerciale e mettere in scacco l’altezzoso cavaliere di Ripafratta, uno dei suoi pretendenti. Oltre ad assecondare per solo fini d’interesse le proposte amorose del Marchese di Forlipopoli e del Conte d’Albafiorita, nobili decaduti in cerca di avventure amorose e attratti dall’intelligenza di Mirandolina.

Alla fine, dopo aver fatto innamorare Il cavaliere di Ripafratta, nemico acerrimo delle donne, sposerà il cameriere Fabrizio, unico uomo savio e rispettoso della padrona, mettendo in scacco tutti i presunti amanti che resteranno con un palmo di naso, di fronte alla capacità della locandiera di saper dominare gli eventi e soprattutto il genere maschile.

La comicità delle situazioni, abbinate al ritmo degli avvenimenti, pongono questa commedia tra le più riuscite del commediografo veneziano. In questa trasposizione vengono sottolineati alcuni aspetti della commedia legati al cibo e in particolare al vino, proponendo nelle varie scene abbinamenti di pietanze cucinate da Mirandolina che fanno riferimento ai piatti tipici del territorio. Come pure l’abbinamento al vino citato continuamente, dando spazio e parola alle qualità del nostro Verdicchio di Matelica di cui ricorre il 50° della DOC.


INGRESSO LIBERO


Alla fine dello spettacolo, l’Associazione dei produttori del Verdicchio di Matelica, in occasione dei festeggiamenti dei 50 anni della DOC, offrirà una degustazione.


Prossima data dello spettacolo: 26 luglio, ore 21.15, Corte Museo Piersanti.

 


 

 

« torna indietro



Link